domenica 6 aprile 2008

Tonno Vitellato


Tonno Vitellato, originally uploaded by erborina.

Malgrado i fiorellini che spuntano dappertutto, il sole, le giornate più lunghe… la primavera tarda ad arrivare e ancora fa un freddo della miseria. Avevamo pianificato una bella gita domenicale però vedendo questo tempo abbiamo rimandato il che non mi è dispiaciuto più di tanto perché ho approfittato per provare il mio nuovo obbiettivo Canon EF 85mm f/1,8 USM nuovo di zecca :]
Sto facendo questo corsetto di ritratti ed è stata la scusa perfetta per fare questo nuovo acquisto: un obbiettivo, un set di lenti per macro e voilà! Ora manca soltanto pratica e tecnica :P

ah!!! Ieri siamo usciti con degli amici a cena e per caso siamo passati davanti al ristorante di Sadler; la cucina è una figata, tutta aperta come se di una vetrina si trattasse... ad un certo momento guardo bene e chi c'era?? Sadler in persona che lavorava e si muoveva come un pesce nell'acqua... mi stava venendo un colpo!!! bellissimo! sarei rimasta lì a guardare tutta la sera :P

E non per essere polemica però non c'era neanche una donna nella sua cucina... vabbè :(


Ingredienti:
Tonno freschissimo 400 g
Bocconcini di vitello 250 g
Maionese 2 cucchiai
Scalogno ½
Acciughe sotto olio 2
Capperi sotto sale 4-5
Vino bianco qb
Succo di limone qb
Olio d’oliva qb
Timo qb
Sale e pepe qb
Salsa di soia qb

Preparazione:

Pulire il tonno, tagliarlo in filetti piccolini che disporremo in un piatto con del sale, pepe, timo ed olio d’oliva. Coprire con del film trasparente e lasciare in frigo a marinare.
Tritare lo scalogno e farlo imbiondire in una padella con un po’ d’olio. Aggiungere i bocconcini di vitello, rosolare, salare, pepare, aggiungere un po’ di timo e qualche cucchiaio di succo di limone. Sfumare con del vino bianco. Spegnere e lasciar raffreddare.
Mescolare la maionese, le acciughe, i capperi dissalati ed il vitello con il suo sughetto. Frullare bene; lasciare riposare in frigo almeno ½ ora.
Far restringere 1/3 la salsa di soia in un pentolino. Raffreddare.
Formare delle quenelle con la nostra salsa di vitello, passare il tonno velocemente per la padella calda giusto, giusto per scottarlo da entrambi lati.
Servire con il ristretto di soia, sale, pepe e volendo con della scorza di limone appena grattugiata.

19 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Ma che forza questa ricetta! Davvero originale. Anche io vorrei comprarmi un nuovo obiettivo, pensavo al 50 mm, ma sono insicura, anche perchè costa un botto. La primavera qui non vuole proprio arrivare, un freddo becco. E manca anche il sole ... uffi. Buona settimana, Alex

Erborina ha detto...

sì, in effetti non costano poco però devo dire che sono proprio contenta :) L'obbiettivo che ho comprato serve a fare ritratti per il food ho dovuto comprare delle lenti. Pian piano mi piacerebbe fare un piccolo studio... per quest'anno penso che ho dato con gli acquisti per la macchina :P
Buona settimana anche a te!
Alicia

VANESSA ha detto...

bella ricetta e anche bella foto....io da piccola ignorante della fotografia penso che la qualità delle tue foto è già ottima! ma la voglia di migliorare è sempre positiva soprattutto se si spendono dei soldi per portare avanti delle passioni!:-P

La redazione ha detto...

Bellissima ricetta davvero! Da proporre al più presto agli ospiti. Grazie mille! Anto

Adrenalina ha detto...

Fantastica ricetta!!! E come ti capisco per la gioia di un nuovo obiettivo, quando a Natale mi sono regalata il macro saltavo dalla gioia eheheheh.

franci ha detto...

Cerco sempre nuove ricette per cucinare il tonno perchè lo adoro!!
questa me la copio...
ciao ciao

Erborina ha detto...

@vanessa
non si finisce mai di imparare, vero? :)
@la redazione
ho visto che siete online da pocchissimo!! benvenuti!
@adrenalina
eh sì, ci si vedono i risultati e ci si diventa ancora più felice :P
@franci
questa per me è perfetta perchè il tonno mi piace solo crudo o appena scottato!

fairyskull ha detto...

Dalla foto mi ispira molto, da provare ! http://ricettedafairyskull.myblog.it/

La redazione ha detto...

Grazie della visita erborina! Sì, la nostra rivista è vecchiarella, ma il blog è appena nato... Ah, le nuove generazioni...!
Anto

parolediburro ha detto...

Tutto fantastico come sempre!
E' veramente un piacere entrare nel tuo blog.Bravissima!

Pippi ha detto...

Bella questa ricetta e la presentazione è degna di un grande chef!!!!!!
complimenti
ciao Pippi

comidademama ha detto...

Bellissimo esperimento!
io timidamente spero di investire in una nuova macchina fotografica, ma non oso immaginare a un mini studio.
Grande questo obiettivo!

Coraggio, che poi il sole arriverà, noi siamo a 6°C come massima

salsadisapa ha detto...

fantastica ricetta, brava!! ma sai che stavo pensando anch'io ad aggiornare la mia macchina fotografica (canon :))? ...

Erborina ha detto...

@fairyskull
semplice e veloce!
@la redazione
vi visiterò ;)
@parole di burro
grasie!
@pippi
bellini i fiorellini, vero?
@comida
qua ancora è tornato il brutto tempo nooooooo!!!!
@salsadisapa
io sono molto contenta con la canon però conosco gente che ha la nikon e dicono che non è mica male... io non ne capisco tanto :P

campo di fragole ha detto...

Bella intepretazione questo tonnetto!!
Io ancora vado in giro con una compatta.... l'obiettivo macro e le lenti me le sogno al momento :)
Ciao!
daniela

Mammazan ha detto...

Cara erborina
un piatto così non lo avevo mai visto.
Ho dato un'occhiata alle altre tue ricette e ho desunto che c'è sempre da imparare!!
Anche io amo fotografare, sono una fotografa in pensione ma sempre molto attiva , mi piace cucinare,leggere e altro, e ho un gatto, un meraviglioso certosino,NINI', che in questo momento sta dormendo.
Ciao e ancora coplimenti per ricette e foto
Grazia

Erborina ha detto...

@daniela
ho visto le foto de la feria... uhmmm, che voglia di tornare al sur!!!
@Grazia
eh sì, il bello dei blogs è che tutti possiamo imparare delle cose nuove dagli altri!!
baci
alicia

Noboshi Hoki ha detto...

IN ITALIA SI VENDE TONNO DETERIORATO PER TONNO FRESCO,

E voi ve lo mangiate crudo. Certo, questo vale per molti prodotti. Ma in particolare per il tonno.Quasi tutto il tonno consumato nei ristoranti, oppure acquistato sui banchi delle pescherie è importato da paesi terzi e principalmente da : Maldive, Sri Lanka,Yemen e Oman.Il tonno arriva sui banchi delle pescherie con già 5-7 giorni di vita (talvolta 8-9 giorni).In una settimana le caratteristiche organolettiche del prodotto si modificano, in modo sostanziale :

- Batteri : aumento della carica batterica
- Istamina : enorme aumento dell'istamina
- Colore : ossidazione e dunque il tonno assume una colorazione marrone.

In sostanza viene venduto per "fresco" un prodotto già deteriorato, questa situazione assume inoltre particolare rilevanza quando lo stesso viene servito crudo (!!) o parzialmente cotto.

PERCHE' SI IMPORTA TONNO FRESCO ?

Perchè costa poco e perchè permette dei margini di profitto più alti per gli intermediari coinvolti. E questo a scapito della salute dei consumatori. Inoltre il trasporto del tonno via aerea contribuisce in modo importante all 'inquinamento dovuto a combustibile e maggiore impiego di imballi.

MILIONI DI GIAPPONESI NON SI POSSONO SBAGLIARE !

La maggior parte del tonno consumato in Giappone è SuperFrozen, il SuperFrozen è un tonno classificato, lavorato e surgelato sino a -71°C direttamente sulla nave e sino al punto Eutettico. Da quel momento viene costantemente mantenuto a -55/-60°C, cioè IBERNATO. A questa temperatura, il tonno mantiene le sue caratteristiche naturali, una volta decongelato ritorna ad essere

- naturalmente rosso
- naturalmente sano
- qualità costante


Tale tecnologia implica lo stoccaggio in speciali celle in grado di mantenere tali temperature lungo la catena di distribuzione.
Il tonno SuperFrozen viene venduto in Giappone, Canada, USA ed, ora, grazie ad un'azienda europea anche qui in Italia.
Il tonno SuperFrozen non deve essere decongelato come un normale prodotto, bensì ci sono delle semplici procedure da seguire così riassumibili :

- lavaggio del pezzo di tonno da utilizzare
- immersione in acqua calda e sale
- a riposo in frigorifero per un'ora

Qualità costante 12 mesi all'anno, un prodotto sicuro ed inoltre bellissimo da vedere. SuperFrozen è la migliore soluzione.

LA PRIMA CELLA A -60 ANCHE IN ITALIA !

TheMtm TW azienda leader specializzata nel mercato del tonno ha installato la prima cella in Italia per lo stoccaggio del tonno SuperFrozen a -60°C. Un tonno dalle qualità superiori al fresco perchè rapidamente surgelato sino a -70°C e costantemente mantenuto ad una temperatura di -55/-60°C ! Ti consigliamo di leggere l'articolo a questo indirizzo
www.themtm.biz/index.php?sec=news&subsec=news_detail&id_news=56

Sicuri di voler mangiare ancora tonno "fresco" ?
Buona fortuna...

Anonimo ha detto...

In Italia si pesca il tonno più pregiato al mondo


Palmanova (20 giugno 2008). “Siamo venuti a conoscenza della pubblicazione su diversi blog di un post firmato dal signor Noboshi Hoki dal titolo ”In Italia si vende tonno deteriorato per tonno fresco” – dichiara il presidente Jolanda de Colò, Antonello Pessot- Vorremmo rendere noto che anche in Italia da tempo sono presenti aziende serie e preparate nel settore della pesca e dell’alta gastronomia che lavorano il tonno con la tecnica del Blooding & Chilling e dell’abbattimento ad azoto liquido a -80°, proprio per garantire la massima qualità, sia per bloccare lo sviluppo dell’istamina che del batterio Anisakis.”
Vi sono tante varietà di tonno e in Italia abbiamo la fortuna di avere il tonno più pregiato al mondo. Il tonno rosso Thunnus Thynnus, tanto apprezzato dai giapponesi che si pesca solo nei nostri mari. In particolare Jolanda de Colò ha scelto di commercializzare in esclusiva il tonno rosso di corsa pescato nelle Tonnare PIAM di Carloforte con la tecnica della mattanza in tonnara fissa.
Affermare che in Italia si vende tonno deteriorato – continua Antonello Pessot - sapendo che abbiamo il miglior tonno del mondo e che qui viene lavorato prima della spedizione in Giappone, è una contraddizione in termini. Certo bisogna essere consumatori e acquirenti accorti, ma questa è una regola generale”.
Si dovrebbero evitare generalizzazioni che penalizzano imprenditori onesti che si impegnano per dare qualità e servizio alla propria clientela.