mercoledì 2 settembre 2009

Cartoline dalla Spagna e Mostarda di fichi

Relax totale
5.000 km, 1.000 foto, 50 bagni nel mare, tante siestas, birrette e tapas… eccomi ancora ☺
E come tutti gli anni quando cominciano le vacanze ci si sente così bene, il tempo sembra fermarsi e uno pensa che non finiranno mai…. Invece sì. E si torna alla routine, alla sveglia ogni mattina, alla fretta, alle corse... uffa! Meno male che in un batter d’occhio ci si abitua a questi ritmi trepidanti come prima delle ferie ci si abitua al relax totale.
Quest’anno siamo tornati al sud della Spagna. Se l’anno scorso la scelta è stata un po’ condizionata dall’operazione al piedino quest’anno siamo tornati convinti convinti! E non possiamo essere più felici di così perché abbiamo scoperto (sì, anch’io, anche se sono andaluza) dei posti meravigliosi:

Vejer de la Frontera. Cosa dire di questo paesino incantevole... a me ha conquistato per sempre. In un zona dove l’attrazione più forte sembra essere la spiaggia ed il mare si trova questo paese di stile arabo in cima alla montagna. Qualche pueblo blanco andaluz l’avevo già visto e Vejer de la Frontera mi conferma soltanto quello che già pensavo... IO VOGLIO TRASFERIRMI LÀ!!! :P

Vejer de la Frontera

Vejer è bellissima, la gente è amabile, tutto a portata di mano, con quel cielo azzurro da paura…

Vejer de la Frontera

Se vi capita di passare di là, le mie raccomandazioni sono:

La Casa del Califa - un alberghetto ubicato nella piazza principale di Vejer, d'ispirazione araba come il resto del paese, proprio un gioiellino. Hanno delle stanze diverse più o meno nascoste, con un gran terrazzo da dove prendere il sole durante il giorno, ammirare le bellissime viste del paese al tramonto oppure prendere un aperitivo prima di cena. Dentro dell’albergo c’è anche un ristorante che purtroppo non abbiamo avuto modo di provare per quanto era pieno in quei giorni però secondo me ne vale la pena; la sua chef è di Marrakesch e prepara piatti tipici come il tabulé, il cous cous o diverse tagines.

Hotel La Casa del Califa
Plaza de España, 16
Vejer de la Frontera (Cádiz)
11150, España
+34 956 447 730

La casa del Califa en Vejer

Ristorante Trafalgar - Un piccolo ristorante con un terrazzo sulla piazza di Vejer dove si possono gustare piatti che fondono tradizione ed innovazione. Segnalato dalla guida Michelin, ha dei prezzi veramente onesti!

Restaurante Trafalgar
Pl. de España 31
11150 Vejer de la Frontera
Tel. 956 447 638


Mesón La Judería – una scoperta di quelle che non si dimenticano mai sia per il cibo che per il posto. Assolutamente da chiedere un tavolo fuori sul terrazzo per godersi le viste meravigliose sul paese. Vongole con gamberi e pesce con salsa allo zafferano favolosi :)

Mesón La Judería
Judería, 5
Tel. 629 760 802

Quindi vivere o passare vicino a questo paese e non farci un salto è peccato mortale ;)

Ma i dintorni non sono peggio. C’è proprio di tutto per tutti: per quelli che vogliono spiaggia, spiaggia, spiaggia c’è Barbate, Bolonia, Los Caños (spiaggie belle lunghe dove l’affollamento non è un problema); per quelli che vogliono surf… che dire, qua c’è il suo regno a Tarifa; per quelli che preferiscono la natura ci sono le uscite in barca per vedere delfini e balene!!; rovine romane e tanta tanta gastronomia da scoprire :)

Bolonia e Baelo Claudia

Un po’ più verso l’interno troviamo la cittadina di Medina Sidonia. Veramente bellina forse non da visitare ad agosto con 45º… però guardate che bello!! Ci sono ancora posti dove la gente lascia tranquillamente la porta di casa aperta!

Medina Sidonia

Jerez de la Frontera è anch'essa una fermata obbligata, sempre con quel piccolo problema del caldo atroce anche all’ombra però ne vale la pena una passeggiata nelle sue strade e una visita alle Bodegas de Fino per cui Jerez è così conosciuta nel mondo.

Jerez de la Frontera

Anche qua a Jerez un posto da consigliare vivamente per le tapas autentiche, il servizio, il posto in sé e, come no, per il fino :)

Bar Juanito
Pescadería Vieja 8-10

Tutto da leccarsi i baffi

Finalmente arriviamo a casa mia, a Torrenueva e qua entrano in gioco tutti i ricordi della mia infanzia; da quando sono nata a quando non ero più così bambina, Torrenueva per me è stato IL posto delle vacanze

Torre

Sicuramente non è un bel paese e non mi azzarderei a consigliare di passare neanche un pomeriggio però per me Torrenueva è magica, è possibilmente uno dei posti che mi piacciono di più di questo mondo. Appena metto piede mi sembra già di stare a casa mia e riprendo subito tutte le piccole abitudini dei tempi passati che mi fanno tornare ad altri anni più spensierati.
A Torrenueva però si cucina :) Certo, ci sono tanti bar dove si mangia da paura (pesce freschissimo sìiii!!) però ne approfittiamo per smettere un po’ di mangiare fuori casa perchè si sa che come a casa non si mangia da nessuna parte!

La cucina di Torrenueva

Il primo giorno mi sono alzata presto, ho fatto un bel bagno nel mare ed una bella passeggiata verso il mercato piccolissimo e pieno zeppo di tante cose buone. Mi sono lasciata trasportare dall’emozione del primo giorno e pensando anche ad un pranzetto con gli amici prendo di tutto e di più: sarde, alici, gamberi, pesce spada, rombo, vongole e cozze… proprio un festino!

Si cucina

Ne approfito per chiamare la mamma e farmi dare quella ricetta che pulendo le alici mi è venuta in mente… gnam!

Il giorno dopo un’altro classico: los churros!! Un bel caffé latte, il giornale fresco fresco e un piatto pieno di zucchero dove pucciare questa meraviglia della natura :P

Churros

Dopo 4 giorni a Torrenueva il viaggio sta arrivando alla fine. 11 giorni fantastici in qui c’è stato tempo per fare tutto soprattutto tempo per far niente oppure per godersi un tramonto, un fiore, un ape od un gatto :)

Tanti amici

miii, che brutto quando finiscono le ferie…

Natura

E prima di prendere l'aereo da Madrid una ultima scapatina al Thyssen... o dovrei dire al Reina Sofía perché è dove quel imbranato del taxista ci ha portato pensando che fosse quell'altro... e vabbè

Museo Reina Sofía - Madrid

Almeno ho potuto vedere il Guernica dal vivo :)

Museo Reina Sofía - Madrid

E’ stato proprio difficile cercare di riassumere tutta la vacanza in poche foto; io ho provato però a creare delle cartoline che da un’occhiata trasportino me e chi abbia voglia di viaggiare un po’ a quei bei giorni.

Mostarda di fichi

Ora bisogna tornare al mondo reale ;) e per ricominciare volevo condividere con voi una ricetta che avevo scoperto (nel numero di agosto della Cucina Italiana) e che non vedevo l’ora di avere un po’ di tempo per farla. Tempo e buoni fichi che non è proprio una impresa facilissima.
I miei a Granada hanno diversi alberi di frutta tra cui un fico che dà dei fichi strepitosi. Questi li ho comprati vicino a casa mia, in un fruttivendolo appena scoperto dove però tornerò di sicuro perchè ha della roba buonissima!! :)

La ricetta va a Manu e Silvia per la sua raccolta Non solo prosciutto e fichi e la foto alla sfida SLW di questo mese di agosto.

Spero vi piaccia!

Ingredienti due vasetti da 200 ml circa:
Fichi ½ kg
Acqua 1 bicchiere
Vino bianco 50 ml
Zucchero 150 gr
Essenza di senape circa 4-5 gocce (è meglio seguire le indicazioni descritte in ogni confezione)

Preparazione:
1
Pelare i fichi e tagliarli a pezzetti
2 In una ciotola mescolare lo zucchero, il vino e l’acqua. Portare ad ebollizione e lasciar cuocere per 2-3 minuti
3 A questo punto aggiungere i fichi e farli cuocere per mezz’ora mescolando delicatamente ogni tanto
4 Lasciare intiepidire e mescolare con l’essenza di senape facendo molta attenzione perché tossica se assunta in grande quantità e di alta volatilità
5 Riempire i vasetti pulitissimi, chiudere e farli bollire in acqua per mezz’ora se vogliamo conservarli per molto tempo.
6 Aspettare almeno 1 settimana prima di assaggiare.

27 commenti:

paola ha detto...

Le foto sono davvero molto belle!!
Le vacanze sono finite...sob!! Ma le foto e i ricordi restano!
Sogni d'oro
Paola

desperate.viz ha detto...

bellissime foto
il sud della spagna mi aspetta a dicembre

sevilla!

VerA ha detto...

Oddio Erborina!!!!!! Come sempre fai sognare!

chiara ha detto...

Ciaooo ben tornata!
Grazie per le stupende foto,posti bellissimi....
ciao
Chiara

Cuochella ha detto...

mamma mia alicia quante cose che sei riuscita a vedere! sai quei paesini mi ricordano molto quelli del sud italia, splendenti di sole in netto contrasto con l'azzurro del cielo...bellissimi! effettivamente col caldo che avrà fatto sarà stata una bella faticaccia passeggiare prima del tramonto..ma sembra esserne valsa la pena ;)
la mostarda di fichi deve essere speciale! non pensavo ci andasse anche il vino, con quali formaggi la consiglieresti? A pasta dura o molle?

antonietta ha detto...

wow!che bel reportage! e come sempre il piccolo è sublime

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Bentornata cara Erborina. Che belle cartoline che ci hai riportato dal tuo viaggio spagnolo, meravigliose.
La mostarda vorrei tanto farla. Ora mi metto alla ricerca dell'essenza di senape.

Un abbraccio e buon ritorno alla normalità
Alex

spighetta ha detto...

Mi piace tantissimo questa ricetta e vorrei riprodurla. Non credo però di trovare l'essenza di senape. Posso usare la normale senape in barattolo?

Fra ha detto...

Bentornata cara! le tue foto mi hanno trasportato in una parte della spagna che purtroppo non ho ancora visitato..grazie per questo viaggio virtuale e per la ricetta che è assolutamente straordinaria
Un bacione
fra

Erborina ha detto...

@paola
grazie mille Paola.. menomale che i ricordi restano per sempre, vero? :)
@desperate.viz
veramente???
@VerA
nel sud della Spagna si sogna sempre!! :)
@chiara
grazie mille!!!
@Cuochella
sì, il mio compagno me lo dice sempre. Sono stata in Sicilia l'anno scorso e veramente è così :)
@antonietta
hai assolutamente ragione
@Alex
io l'ho trovata in farmacia ;)
@spighetta
noooo :) prova a chiedere in farmacia!!
@Fra
grazie mille cara, un bacione :*

Erborina ha detto...

@cuochella
dimenticavo!! per me pasta dura... però mi sa che è una questione di gusti, a me piacciono di più ;)

genny ha detto...

inviiiiidia!:DDDDDle tue foto sono splendide1

Il gatto goloso ha detto...

Ben tornata Alicia! Le tue foto sono sempre stupende... sigh, che voglia mi hai fatto venire di ripartire... e va beh, Natale arriva presto vveroooo?

La mostarda avovo provato a farla un paio di anni fa con la senape in grani, era venuta una schifezza tremenda! Da allora non ci ho più riprovato! Ah ah ah
La tua sembra abbastanza semplice... il problema per me è trovare dei fichi decenti!
Un bacione

Monique ha detto...

che meraviglia la mostarda!e che idea trovarla in farmacia, proverò!ma è un qualcosa di strettamente alimentare immagino...no? avevo pensato anch'io alla senape in grani in mancanza di quella ma se IlGattoGoloso dice che è 'na schifezza lascio perdere e tento la strada della farmacia!

Sara ha detto...

Adoro i racconti di viaggio, specialmente se così curati e "vissuti". Complimenti per e foto e per lo splendido posto dove hai alloggiato, una meta di certo da prendere nota.

Forchettina Irriverente ha detto...

Ciao Alicia. Le tue foto sono davvero incantevoli e fanno venire voglia di abbandonare tutto e scappare dove sei stata tu ... ma è meglio che non mi distragga troppo. Da buona mantovana , sono stata svezzata a mostarda .. quindi che dire ... a me piace mangiarla soprattutto così .. da sola !!!! Un vasetto aperto in casa è una vera tentazione !! Manu

Gatadaplar ha detto...

che bella vacanza che hai fatto anche tu però eh?! ^__^

Ti ho lasciato un Premio dalle mie parti :)

Ciao a Prestissimo

dada ha detto...

Aspettavo il tuo ritorno. Questo posto sembra bellissimo, un'atmosfera serena. Tutte le foto mi piacciono ma la prima con i piedi parla da se' ;-). Buona la mostarda, l'avevo adocchiata ma non so' se trovero' l'essenza di senape.
Buona serata

manu e silvia ha detto...

Ciao! Ma che belle foto dalla spagna...eh si, è una splendida regione e molto molto caratteristica!
grazie mille per la ricetta, deliziosa sul pane tostato.
bacioni

Konstantina ha detto...

Le tue foto sono come sempre bellissime, ognuna racconta la sua storia...Mi hai fatto venire tanta tanta voglia di andare in Spagna, possibilmente al Sud;))
Buona giornata!

Ilaria ha detto...

Uauuuu... Grazie del viaggio!Le cartoline sono bellissime e il racconto rende tantissimo!
Ilaria

Chiara.u ha detto...

anche il posto più orribile diventa meraviglioso visto con gli occhi del ricordo... a me succede sempre!! anche se Torrenueva non mi sembra così orribile. Per il resto sono totalmente a digiuno quindi grazie per il tuo reportage! Unica cosa che condivido: Reina Sofia e la Guernica... non ci sono parole!
a presto!

Erborina ha detto...

@genny
Ma grasie!!
@gatto goloso
Grazie gattino :) sì, meno male che il natale è lì dietro l’angolo
È vero, questa mostarda è veramente semplice, provaci!!
@Monique
Sì, è alimentare però li preparano in farmacia come gli oli essenziali. In grandi quantità sono un pelino pericolosi però in piccole quantità hanno degli effetti meravigliosi!
@Sara
Grazie! l’alberghetto a Vejer veramente ne vale il viaggio!
@Forchettina
Anche per me è una tentazione… in Spagna non esiste (almeno io non l’ho mai vista). L’ho fatta assaggiare anche ai miei e ne vanno pazzi :)
@Gatadaplar
Ora vengo a vedere!!
@dada
Cosa potrei dire, è il posto dove sono nata per cui mi piace un casino!!
@manu e silvia
Appena l’ho vista ho pensato “questa per la raccolta!”
Baci
@Konstantina
Siiiii!!!
@Ilaria
Grazie a te per passare di qua ;)
@Chiara.u
Vero? Beh, in realtà non è poi così orribile però non è di certo un paese da visitare… invece è un posto perfetto per passare delle vacanze tranquille e serene, con il mare vicino e tante cose buone da mangiare :)
baci

elisabetta ha detto...

Sono in partenza per qualche giorno in Costa Brava, Aiguafreda e dintorni. Conosci? hai qualche suggerimento per una coppia romantica ma che ama stare a tavola? grazie baci eli+pier

Erborina ha detto...

uhmm, io ho vissuto a Bcn e sono andata diverse volte a quella zona là perchè mi piace tantissimo però sempre a casa di amici per cui non saprei dire...
comunque una mia collega mi ha parlato appena dopo il rientro dalle vacanze di questo posto: deve essere stato allievo di ferran adria per cui la sua cucina è eccellente e i prezzi sono un po' più contenuti. Questa mia collega era proprio entusiasta (anche a lei piace la buona tavola), mi ha detto che è stato proprio una esperienza.
Purtroppo non sono molto d'aiuto... sì ti potrei dire di andare a Tossa de Mar e Sant Feliu de Guixols perchè sono molto belle!!
Cadaquès è anche da visitare (non so se sia troppo lontano)... ah!! e in cima a Cap de Creus c'è un ristorantino dove si mangia beniiiiissimo il pesce :)
che bei ricordi!!!

Marina ha detto...

Nuuu non ci credo... Anch'io sono andata in vacanza in Spagna... Anch'io ho visto quella mostarda sulla Cucina Italiana e mi aveva invogliato molto!!

Una curiosità: ma tu al Reina Sofia non sei morta di freddo? Ci saranno stati 12 gradi quando l'ho visitato io!
Guardando la Guernica non capivo se i brividi che mi scuotevano fossero dovuti alla bellezza inquietante dell'opera o al freddo -_-'

Per il resto, la Spagna mi ha conquistata; a parte le città principali, ho visitato anche Cuenca, un posticino delizioso abbarbicato sulle colline tra Valencia e Madrid. Che posti! W la Spagna...

(ros)marina

Anonimo ha detto...

Magari te lo hanno gia fatto notare (in questo caso scusa il doppione) però su questo sito c'è del tuo materiale:
http://sanisapori.ejarvis.eu/feeditem/2009/11/la-mostarda-di-fichi-una-delizia-da-spalmare-ottima-insaporire-le-i-vostri-piatti-d
Ciao
RM